Crea sito

Articles Comments

Blog di informiamo » Misteri » Viaggiando su binari fantasma

Viaggiando su binari fantasma

 

l treno scomparso
Nell’ottobre del 1991 apparve un curioso articolo sulla rivista “Stop”: un treno merci, composto da ben 47 vagoni, sarebbe sparito misteriosamente all’interno di una delle gallerie facenti parte della tratta ferroviaria Firenze-Bologna. Difficile credere che un treno di simili proporzioni sia potuto sparire nel nulla, eppure c’è chi giura di averlo avvistato prima che venisse inghiottito dal buio della galleria.
I quotidiani italiani dell’epoca non ne parlarono, ma la notizia, stranamente, venne divulgata in alcune riviste estere, partendo dalla Polonia per poi fare il giro del mondo.
Leggenda metropolitana? Probabile. Eppure l’equipaggio, composto dai tre macchinisti Gerardo Massari, Umberto Bossetti, e Mario Franchini, risulta realmente scomparso.
Detto cio’ si potrebbe pensare ad un’operazione di contrabbando o comunque di dirottamento del treno, ma resta comunque un amletico dubbio: che fine ha fatto il treno?
Ma forse c’è qualcosa che può’ svelare il mistero. Un articolo pubblicato sul Weekly World News del 26 giungo 1990 (quindi antecedente allo “scoop” di Stop) riporta questa notizia: “Passenger train vanishes in tunnel. Cars, crew & 600 people disapper without trace!”
In questo caso si parla di un convoglio passeggeri che, sulla tratta Firenze-Bologna, scompare misteriosamente all’interno di una galleria.
I testimoni? Mario Franchini, capo delle autorità ferrovarie, e due passeggeri che sono scesi alle fermate precedenti alla sparizione: Gerardo Massari, che dichiara che sul treno si respirasse un’aria talmente strana e inquieta che decise di scendere alla fermata prima di Bologna, e un tale Umberto Bossetti, contadino della zona che dichiara di aver visto il treno per l’ultima volta.
La sua dichiarazione: “Ho visto il treno entrare nel tunnel. Non ho notato nulla di strano a parte il fatto che il rumore del treno sìè spento molto prima di quando avesse dovuto”.
E il WWN non fu una rivista con la fama di raccontare fatti di cronaca credibili…
Ma che dire, la tentazione di credere ad un treno inghiottito dalle tenebre fa gola!

La ferrovia dei minatori di allume
Questa ferrovia, composta da 11 gallerie, fu costruita ai primi del ’900 e si trova indicativamente tra le stazioni di Civitella Cesi e Monteromano. Fu inaugurata nel 1928 ed era atta a trasportare i minatori che si recavano alle cave, nonchè il minerale estratto.
Negli anni Quaranta i lavori di miniera terminarono, ma la ferrovia continuò a funzionare per convogli passeggeri, fino al 1961.
Da allora c’è chi dice di aver visto un treno passare nella notte, proprio sopra quei binari che da allora restano abbandonati e meta turistica visitabile anche attraverso particolari percorsi in bicicletta.
© Monica Taddia

News originale

Enter Your Mail Address

 

Filed under: Misteri · Tags: , , , , , , ,

2 Responses to "Viaggiando su binari fantasma"

  1. chiaras says:

    Che dire!, 600 persone, con 600 storie, 600 famiglie non sono poca cosa……sparire cosi????
    Mah……se si tratta di un romanzo…..ma la realtà mi sembra un altra cosa.
    chiara

Leave a Reply

*